La Temperatura della Cantinetta

La temperatura cantinetta è un aspetto di fondamentale importanza nella conservazione ottimale del vino. Una temperatura non adeguata può far dilatare o restringere alcune sostanze presenti nel vino causando ossidazione e danni alle proprietà organolettiche.  

La temperatura cantinetta adeguata per un’ottima conservazione del vino è tra i 10° e i 16°C evitando il più possibile gli sbalzi termici e cercando di mantenere la temperatura ideale tra 14° e i 15°C. Contrariamente con una temperatura al di sopra dei 25°C le caratteristiche del vino saranno irrimediabilmente compromesse. 

 

Mono o doppia temperatura?

In base alle tue necessità di conservazione del vino puoi scegliere tra una cantinetta a monotemperatura oppure a doppia temperatura.

 

Cantinetta monotemperatura

Sono l’ideale per la lunga conservazione e l’invecchiamento della collezione di vini. È possibile impostare un’unica temperatura in tutta la cantinetta. 

 

Cantinetta doppia temperatura

Perfette per un consumo immediato del vino, mantiene e conserva le bottiglie, pronte per essere stappate subito. La temperatura della cabina superiore in questo caso deve sempre essere inferiore a quella della cabina sottostante senza superare i 5° di differenza. Creare troppa differenza di temperatura tra le due parti obbligherebbe un’accensione continua del riscaldatore e di conseguenza un aumento del consumo energetico. 

 

In quale ambiente posizionare la catinetta

Anche la temperatura esterna influisce sui gradi e sul rendimento delle cantinette, evita di posizionare la cantinetta in ambienti soggetti a cambiamento termico elevato, come la terrazza dove in presenza di sole costante la temperatura può essere eccessiva o in garage dove i gradi potrebbero abbassarsi troppo. Assicurati che nell’ambiente in cui è installata la cantinetta ci sia un riciclo d’aria. 

 

Cantinette statiche 

L’impostazione del display indica la temperatura interna della cantinetta che non sarà mai uguale all’impostazione del display, poiché la temperatura interna viene modificata da molti fattori del tipo:

temperatura esterna, quante volte viene aperte e chiusa la porta, posizione della cantinetta, angoli, sole, riscaldamento a pavimento, immagazzinaggio delle bottiglie, ecc.

Nel display viene impostata la temperatura desiderata, le sonde interne ed esterne comunicano al compressore il raffreddamento raggiunto di circa 2° inferiori ai gradi impostati, pertanto solo per questo meccanismo i gradi di differenza tra impostazione e temperatura interna può essere anche di 3°.

Tra il ripiano superiore ed il ripiano inferiore ci possono essere anche 3° di differenza.

Le cantinette NON RISCALDANO la temperatura dall’esterno, ma abbassano la temperatura, pertanto se l’ambiente in cui è posizionata la cantinetta è inferiore alla temperatura impostata nella cantinetta, la temperatura impostata non corrisponderà. 

Nelle cantinette statiche è normalità la differenza di temperatura tra la parte inferiore e superiore della cantinetta.
Il compressore immette aria fredda dall’alto, arie fredda più pesante scende nella parte inferiore, pertanto avremo la parte inferiore più fredda genericamente per bottiglie vino bianco, la parte superiore per vini rossi con temperature più temperate. La differenza di gradi non è quantificabile poiché dipende dalla temperatura esterna, interna, ed il grado di umidità percepito.

Nella cantinetta statica si crea un ambiente ideale tra temperatura ed umidità adatta alla conservazione del vino, questa cantinetta non avendo ventilazione è più soggetta alla condensa soprattutto mesi estivi, quando la differenza di temperatura tra interno ed esterno e molto diversa. Aprire in continuazione la porta, o grande differenze di temperature interne ed esterne può portare a fenomeni di ghiaccio, risolvibili spegnendo la cantinetta per 24 ore.

 

Misurazioni con strumentazioni non idonee non sono da considerarsi attendibili rispetto ai dati presenti nelle schede tecniche, rilevati con strumentazioni professionali.